Close

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 21 a 29 di 29
  1. #21
    Nutria
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Brescia
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    300
    Nominato in
    9 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Meo Visualizza Messaggio
    Io ho un vecchio Haquoss 300, che è un cinese Halilea rimarcato. E' al limite con una vasca da 700 litri, nelle settimane più calde va per giorni sempre acceso. Ma quello, consumando circa una 50ina di watt, è più che accettabile e tra l'altro non da nessun problema al compressore del chiller (fa più danno il ciclo di accensione che l'andare sempre).

    Per evitare qualsiasi problema o contaminazione della vasca ho un circuito chiuso per il refrigeratore, con un contenitore da 5 litri contenente una pompa di circolazione e con 6 serpentini in PE immersi in sump, in cui gira acqua d'osmosi.

    secondo me, con chiller all'esterno e circuito di raffreddamento stagno, si ha sicurezza, efficienza e nessun problema di umidità, rumore e cessioni.

    mi permette di accendere pompa del circuito del freddo e refrigeratore solo quando serve, non avendo problemi di poterlo fermare. Il refrigeratore è all'esterno, su un balcone al piano inferiore. Ho 2 tubi da irrigazione che fanno mandata e ritorno tra serpentini in sump e chiller. a Ottobre levo il chiller e scarico l'impianto, lo rimonto a maggio: d'inverno va sempre sotto zero, ghiaccerebbe tutto (erano -3° due giorni fa...)
    Perdonami, l'idea è molto buona, ma se lo usi così, lo metti molto in difficoltà.
    L'aggiunga di uno scambiatore, peraltro non a circolazione forzata (la serpentina in acqua non ha circolazione forzata lato sump), fa perdere almeno 5 gradi. In pratica, per assorbire un po di calore dalla sump, dovresti settare il tuo chiller a meno di 15 gradi, e con un salto così basso la pompa del circuito freddo dovrebbe andare molto molto rapida. inoltre il polipropilene è un cattivo conduttore di calore, per cui anche se la parete della serpentina non è molto spessa perdi ulteriormente potenza.
    Dal punto di vista tecnico, mi sembra di poter sconsigliare una soluzione del genere.

  2. #22
    Nutria
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Località
    Napoli
    Acquariofilo
    Aspirante marino
    Messaggi
    150
    Nominato in
    0 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da AlfonsoCE Visualizza Messaggio
    Tra qualche giorno mi arriverà una bella tangenziale fatta ad hoc per sostituire le ventoline.... poi vi metto qualche foto

    Inviato dal mio SM-A217F utilizzando Tapatalk
    come la fissi bordo vasca? io ho una di quelle usate per stufe e similari ma nella nuova vasca avrò difficoltà

  3. #23
    Nutria
    Data Registrazione
    Mar 2020
    Località
    caserta
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    278
    Nominato in
    0 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Ginorosso Visualizza Messaggio
    come la fissi bordo vasca? io ho una di quelle usate per stufe e similari ma nella nuova vasca avrò difficoltà
    Mi sto facendo fare un supporto apposito per la mia vasca, quando sarà tutto pronto posso farti vedere

    Inviato dal mio SM-A217F utilizzando Tapatalk
    l'equilibrio e l'armonia nell'ambiente che creiamo sono la chiave del nostro successo

  4. #24
    Nutria
    Data Registrazione
    Nov 2019
    Località
    Napoli
    Acquariofilo
    Aspirante marino
    Messaggi
    150
    Nominato in
    0 Post(s)
    grazie mille!

  5. #25
    Nutria anziana L'avatar di Liferrari
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Località
    Cologno Monzese, Italy
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    1,136
    Nominato in
    53 Post(s)
    6 ventole + climatizzatore (quando serve)
    Vasca 450lt ca

  6. #26
    Nutria L'avatar di Meo
    Data Registrazione
    Dec 2015
    Località
    Pergine Valsugana
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    262
    Nominato in
    16 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da edv Visualizza Messaggio
    Perdonami, l'idea è molto buona, ma se lo usi così, lo metti molto in difficoltà.
    L'aggiunga di uno scambiatore, peraltro non a circolazione forzata (la serpentina in acqua non ha circolazione forzata lato sump), fa perdere almeno 5 gradi. In pratica, per assorbire un po di calore dalla sump, dovresti settare il tuo chiller a meno di 15 gradi, e con un salto così basso la pompa del circuito freddo dovrebbe andare molto molto rapida. inoltre il polipropilene è un cattivo conduttore di calore, per cui anche se la parete della serpentina non è molto spessa perdi ulteriormente potenza.
    Dal punto di vista tecnico, mi sembra di poter sconsigliare una soluzione del genere.
    in realtà è dal 2016 che lo uso cosi, con gran soddisfazione. L'idea è stata copiata dal sistema di mantenimento di temperatura delle vasche di un mio amico negoziante (le usa per riscaldare con una caldaia a gas le vasche/batterie marine e dolci).

    Le serpentine lato sump sono in PE da 8 mm curvato a caldo a diametro stretto, lavorano bene in quanto sono tutte e 6 in parallelo, attraverso un collettore di mandata e ritorno, in cui l'acqua viene pompata dalla pompa di circolazione. da li poi fluisce nel Chiller e torna indietro: è un circuito a vaso aperto, con il polmone
    nel punto più alto. Cosi non ho problemi di bolle d'aria. Devo solo controllare ogni 2-3 mesi il livello dell'acqua (uso osmosi) e eventualmente rabboccare quel paio di bicchieri che è evaporata.

    Le serpentine sono totalmente immerse in sump, in un punto di forte passaggio. Ho una risalita Abyzz A200 settata a 130W su 200, mi garantisce una portata di circa 10-11.000 litri/ora a quella potenza (ho due scarichi da 50 che lavorano belli pieni). Le curve delle Abyzz sono cosa abbastanza certa, ogni pompa esce con un suo proprio certificato potenza/portata misurato in fabbrica quando le collaudano. Sono abbastanza tranquillo che portata di acqua sulle serpentine ce ne sia.

    Il chiller è settato a 19°, ma comunque non ci arriva mai, in quanto la temperatura del circuito di raffreddamento nelle condizioni peggiori viaggia a 22°. Ho un differenziale tra vasca e circuito chiller al massimo di 5 gradi, che è ottimale per lo scambio. L'accensione di chiller e circuito di circolazione la comando attraverso un controller per acquari, quindi ho l'interesse che quando do corrente, resti sempre acceso. La questione che in plastica scambino poco, lo ho compensato con la lunghezza delle serpentine e con il loro numero. Per uno scambiatore, avere un coefficiente K di scambio basso, è un problema solo se non hai spazio e non puoi aumentare la superficie di contatto. Ovvio che uno scambiatore in titanio andrebbe meglio... ma già le serpentine mi sono costate 40€ l'una... figuriamoci un tubo in titanio.

    Da non scordare che stiamo parlando di un chiller pensato per vasche da 250 litri, io lo uso su una vasca da oltre 700. Essendo esterno non mi interessa vada giorno e notte. Rumore e calore sono fuori e non in casa.

    Ovviamente, non è una soluzione proprio molto economica (tra chiller, serpentini in PE, collettori di collegamento dei serpentini e fori nel muro), ma dopo anni di chiller in soggiorno esser riusciti togliermelo di torno non "aveva prezzo".

    Member of Reef Club Trentino - Alto Adige
    www.reefclub.eu

  7. #27
    Nutria
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Brescia
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    300
    Nominato in
    9 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Meo Visualizza Messaggio
    Il chiller è settato a 19°, ma comunque non ci arriva mai, in quanto la temperatura del circuito di raffreddamento nelle condizioni peggiori viaggia a 22.
    Secondo me non ci arriva mai perché il chiller non ha abbastanza Potenza, rispetto al carico termico della vasca, e tutti i passaggi intermedi che gli fai fare non lo aiutano.

    Citazione Originariamente Scritto da Meo Visualizza Messaggio
    Ho un differenziale tra vasca e circuito chiller al massimo di 5 gradi, che è ottimale per lo scambio..
    Scusa ma non é ottimale, é il minimo tecnico "pratico" per cui ci possa essere uno scambio termico tra serpentina e sump. E infatti il chiller lavora all' infinito e non riesce neanche a raggiungere il proprio set point né a raffreddare la vasca.

    Peró non vorrei insisetere, se sei soddisfatto e hai raggiunto i risultati che ti eri prefissato e ottenuto sul campo, io di certo non mi permetto di dire altro.

    In ogni caso, trovo l idea molto buona, almeno per quanto riguarda i problemi di rumore e per prevenire rischi di inquinamento in vasca. Anzi, sarebbe da studiare per una soluzione commerciale, direttamente col refrigerante in vasca, senza circuito intermedio.




    Inviato dal mio SM-T815 utilizzando Tapatalk

  8. #28
    Nutria L'avatar di Meo
    Data Registrazione
    Dec 2015
    Località
    Pergine Valsugana
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    262
    Nominato in
    16 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da edv Visualizza Messaggio
    Scusa ma non é ottimale, é il minimo tecnico "pratico" per cui ci possa essere uno scambio termico tra serpentina e sump. E infatti il chiller lavora all' infinito e non riesce neanche a raggiungere il proprio set point né a raffreddare la vasca.
    Forse non mi sono spiegato bene io.. in realtà il setpoint della vasca lo raggiungo tranquillamente. quindi accendo e spengo il tutto tranquillamente in automatico in base alla temperatura impostata della vasca. va per qualche minuto quando le temperature sono più miti, ore quando il caldo è torrido, senza dare troppo sbalzo repentino alla vasca.

    il fatto dei 19°, è perché ho solo impostato una temperatura più bassa sul chiller per bypassare il termostato interno del chiller stesso. potrei mettere anche 10 gradi, ma per sicurezza non imposto temperature troppo basse. cosi sono sicuro che, quando do corrente, lui sarà sempre acceso (in quanto a 19° non lo farò mai arrivare).

    quelle due/tre settimane che in soggiorno ho oltre 30 gradi, ovviamente ho dei tempi di funzionamento molto più lunghi, per tenere la temperatura impostata. ma quello perché comunque, la potenza del chiller è limitata. Se devo essere sincero, tra l'utilizzo del chiller direttamente collegato alla vasca ma in casa e quello con il circuito chiuso separato e messo all'esterno, devo dire che non ho notato sostanziali differenze, anzi, mi spingerei a dire che l'efficienza è migliore nel secondo caso: è vero che perdo sullo scambio lato acqua, ma guadagno enormemente sul lato aria. poi non riscaldo ulteriormente l'ambiente interno, che a sua volta riscalda la vasca.. è un circolo vizioso.

    In realtà, due anni fa stavo vedendo di sostituire il chiller con uno più potente (tipo un 500/600), ma alla fine alla prova dei fatti consumerei più corrente senza averne un sostanziale beneficio. Consumare 50 watt per 3 ore, o 150 per un'ora solo... alla fine costa uguale, dato le calorie che devi togliere all'acquario per raffreddarlo sono sempre le stesse. avevo recuperato un acquamedic titan 2000... ma 600w di chiller, era esagerato e lo ho messo in conto vendita in un negozio... in effetti era troppo esagerato.


    portavo comunque solo la mia esperienza, magari c'è qualcuno che vuole avventurarsi nella cosa come ho fatto io. E' un pò elaborato, magari non efficientissimo sulla carta, ma che alla fine mi ha permesso di evitare tutti i fastidi che tutte le altre soluzioni portano e che volevo evitare: oggetti appesi alla vasca, umidità, rumore, calore, cessioni di robe strane in vasca, evaporazione e maggior consumo d'osmosi. Dopo, ovviamente non è possibile realizzarlo in tutte le situazioni.

    Member of Reef Club Trentino - Alto Adige
    www.reefclub.eu

  9. #29
    Nutria
    Data Registrazione
    Dec 2019
    Località
    Brescia
    Acquariofilo
    Marino
    Messaggi
    300
    Nominato in
    9 Post(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Meo Visualizza Messaggio
    Forse non mi sono spiegato bene io.. in realtà il setpoint della vasca lo raggiungo tranquillamente. quindi accendo e spengo il tutto tranquillamente in automatico in base alla temperatura impostata della vasca. va per qualche minuto quando le temperature sono più miti, ore quando il caldo è torrido, senza dare troppo sbalzo repentino alla vasca.
    O forse ho capito male io, scusa non era mia intenzione insistere!

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •